News

Ricordandoti che nessun dipendente o collaboratore della banca ti chiederà mai le tue credenziali personali di accesso ad Inbank, desideriamo portare alla tua attenzione una nuova modalità utilizzata da parte di alcuni frodatori, per effettuare bonifici non autorizzati.

Tecnica utilizzata:

Il frodatore invia un SMS utilizzando come mittente falsificato il nome 'Inbank' con il seguente testo (o similari):

"Per motivi di sicurezza il suo conto è stato temporaneamente disabilitato per anomalie, a breve un nostro Operatore si metterà in contatto con lei, si prega di seguirlo nei passaggi"

Il messaggio viene fatto seguire da una telefonata in cui compare il numero falsificato della assistenza, ed in cui il finto operatore, con il fine di bloccare alcune disposizioni fraudolente richiede le credenziali di accesso, comprensive del codice OTP (one time password).

Ti ricordiamo che nessuno, nemmeno gli addetti della Banca, sono autorizzati a richiedere o conoscere i tuoi dati di sicurezza, in quanto come anche disciplinato nel contratto di adesione al prodotto Inbank tali dati sono da considerare come strettamente confidenziali.

Per ogni dubbio o chiarimento contatta pure la tua Filiale.

Il Computer Emergency Response Team (CERT) della Banca d'Italia ha recentemente rilevato numerosi SMS di phishing e siti web fraudolenti volti alla sottrazione indebita di dati personali relativi a carte di credito. I messaggi risultano apparentemente inviati dalla società di servizi di pagamento digitali NEXI S.p.A. e riportano un link che si è invitati a cliccare per verificare i dettagli di un presunto pagamento anomalo. Il link porta a un sito web che richiede di inserire i dati della propria carta di credito e sfrutta il logo della Banca d'Italia allo scopo di guadagnare maggior credibilità nei confronti del visitatore.

Segue la riproduzione di uno degli SMS e della pagina presentata dai siti web rilevati.

Si segnala che sia gli SMS sia i siti web da essi referenziati non provengono e non sono autorizzati in alcun modo nè dalla Banca d'Italia nè dalla società NEXI S.p.A; si invita pertanto a diffidare di tali messaggi e a non accedere ai link ivi riportati.

Il giorno 15 luglio 2021, presso la sede legale della BCC di Cassano delle Murge e Tolve, è stato sottoscritto l’atto costitutivo dell’Associazione assistenziale di natura mutualistica denominata “Cassano ETS – Mutua di Assistenza del Credito Cooperativo”.

L’iniziativa, targata dalla Banca in qualità di socio sostenitore, si colloca nell’ambito del progetto finanziato da Fondo Sviluppo e coordinato dalla Federazione delle BCC di Puglia e Basilicata, in partnership con il COMIPA (Consorzio tra Mutue Italiane di Previdenza e Assistenza), per la realizzazione di una rete di mutue pluri settore che hanno l’obiettivo di operare a favore degli associati con una specifica attenzione al settore sanitario, sociale, educativo e ricreativo e di promuovere e gestire un sistema mutualistico integrativo o complementare al servizio sanitario nazionale.

Alla costituzione hanno partecipato altresì, in qualità di soci fondatori, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale della Banca, alcuni dipendenti della stessa e altri soggetti esterni. All’evento sono intervenuti anche il Coordinatore della Federazione delle BCC di Puglia e Basilicata, dott. Nicola Guastamacchia e il Consigliere delegato del Comipa, Dott. Sandro Turina.

Nel modello proposto dal COMIPA e sviluppato dalla Federazione locale delle BCC, ciascuna BCC Associata funge da “socio sostenitore” della propria Mutua. L’attività della Mutua si rivolge, per Statuto, ai soci e ai clienti della banca che potranno aderirvi liberamente e beneficiare dei servizi proposti in ambito sanitario, sociale, ricreativo ed educativo.

“La costituzione della Associazione – sottolinea il Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Paolo Piscazzi - fa emergere con chiarezza la necessità di orientare le scelte strategiche nella direzione di un ritorno alle radici della cooperazione, fondamenti ben espressi e fissati nell’art. 2 dello Statuto tipo delle Banche di Credito Cooperativo, che hanno lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, l'educazione al risparmio e alla previdenza, nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera”.

Sono stati designati membri del Consiglio di Amministrazione della Mutua, per la copertura degli incarichi riservati alla Banca in qualità di socio sostenitore, il Dott. Angelantonio Contursi, nominato Presidente e già Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca, e l’Avvocato Simona Irene Valentino, già componente del Consiglio di Amministrazione della Banca.

Come ulteriori componenti del CdA della mutua sono stati proposti i Signori Angela Contursi, Giuseppe Salonia e Giuseppe Nuzzaco, nominativi questi che saranno proposti all’Assemblea dei Soci.

Come membri del Collegio Sindacale, invece, sono stati eletti membro effettivo la Sig. ra Eleonora Lionetti e membro supplente il Sig. Angelo Sacchetti, entrambi già componenti del Collegio Sindacale della Banca.

“L’obiettivo dell’Associazione – afferma il neo eletto Presidente Angelantonio Contursi - è il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento di attività di interesse generale in forma di mutualità. Ci rivogliamo ai soci e clienti della Banca per offrire loro uno strumento di welfare, integrativo o complementare al servizio sanitario nazionale, che consenta, ad esempio, di beneficiare di rimborsi di spese mediche, sussidi alle famiglie, sconti e convenzioni con strutture sanitarie e altre iniziative di natura ricreativa e socio assistenziale. Siamo Banche di comunità e la Mutua che abbiamo costituito oggi conferma i nostri tratti distintivi e differenti”.

L’ing. Paolo Piscazzi nuovo componente del board del Gruppo Bancario Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano

L’Assemblea dei Soci di Cassa Centrale Banca, tenutasi lo scorso 16 giugno, ha integrato il Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve, Paolo Piscazzi, quale nuovo membro del Consiglio di Amministrazione di Cassa Centrale Banca.

“Questa nomina costituisce per me motivo di orgoglio, ma soprattutto rappresenta un concreto riconoscimento per quanto la nostra Banca è riuscita a concretizzare pur nel complesso contesto della pandemia. Ringrazio Cassa Centrale Banca per la fiducia accordatami che ricambierò con il massimo impegno a favore del nostro Gruppo e del territorio che rappresento”.

La nuova nomina è il prosieguo di una lunga carriera del Presidente Piscazzi nel Credito Cooperativo, iniziata come consigliere del CdA della BCC di Cassano delle Murge nel lontano 1984 e poi proseguita come Presidente del CdA della stessa dal 1993 ad oggi. Una carriera accompagnata da varie nomine di prestigio nel movimento succedutesi nel tempo, come quella di Vice Presidente della ex società consortile CESVE di Padova, Vice Presidente della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo di Puglia e Basilicata e Consigliere della CCIAA di Bari, quest’ultime ancora in essere.

Cassa Centrale Banca è la Capogruppo dell’omonimo Gruppo Bancario Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano con sede a Trento. L’Assemblea dei Soci dello scorso 16 giugno è stata chiamata ad approvare il secondo bilancio consolidato. L’esercizio 2020 si è chiuso con un utile in crescita a 245 milioni di Euro (+ 8,8%) e un CET1 ratio al 21,46%. Il Gruppo si compone della Capogruppo Cassa Centrale Banca, da 77 Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali e Raiffeisenkassen diffuse su tutto il territorio nazionale e da altre società strumentali.

I dati collocano il Gruppo ai vertici del panorama bancario nazionale per patrimonializzazione e ne confermano la capacità di svolgere sempre meglio il proprio ruolo a sostegno delle Comunità, reagendo più che positivamente all’emergenza Covid-19.

L’esercizio appena concluso conferma il Gruppo Cassa Centrale Banca una realtà solida, efficiente, orientata al mercato e consapevole della responsabilità di essere insieme alle proprie BCC, CR, RAIKA un pezzo importante dell’economia del nostro Paese, al servizio dei territori, delle comunità, delle famiglie e delle piccole e medie imprese.

La BCC di Cassano delle Murge e Tolve è tra le 8 le banche di credito cooperativo che in Puglia fanno parte del Gruppo Cassa Centrale e che con impegno e dedizione sostengono da sempre le comunità di riferimento nel nome di valori condivisi come la cooperazione, la sostenibilità e la responsabilità sociale.

Nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria da Covid 19, anche nel 2020 le nostre BCC hanno posto in essere 227 interventi in ambito socio-assistenziale, culturale, sportivo, di formazione e di promozione del territorio, per un importo complessivo di oltre 1 milione di euro, moltiplicandone in modo capillare il valore sul territorio.

La pandemia, se da un lato ha cambiato molte delle nostre certezze, dall’altro ha confermato come il modello di servizio e la centralità delle Persone che distinguono il Credito Cooperativo Italiano possano rappresentare una risposta concreta alle necessità dei territori e delle comunità.

Noi ci siamo!

Sottocategorie